Via Parma 16 - 63100, Ascoli Piceno +393473353773 Orario Ufficio; 9.00 - 18.00

POR FESR 2014/2020. Intervento 1.3.1. Finanziamento a fondo perduto per la transizione tecnologica e digitale dei processi produttivi e dell’organizzazione.

    You are currently here!
  • Home
  • Aziende POR FESR 2014/2020. Intervento 1.3.1. Finanziamento a fondo perduto per la transizione tecnologica e digitale dei processi produttivi e dell’organizzazione.

POR FESR 2014/2020. Intervento 1.3.1. Finanziamento a fondo perduto per la transizione tecnologica e digitale dei processi produttivi e dell’organizzazione.

23 Maggio 2022 wp_7492639 Comments Off

Area Geografica: Marche

Scadenza: BANDO APERTO | Scadenza il 30/06/2022

Beneficiari: Micro Impresa, PMI

Settore: Turismo, Servizi/No Profit, Industria, Cultura, Commercio, Artigianato, Agroindustria/Agroalimentare

Spese finanziate: Digitalizzazione, Formazione, Consulenze/Servizi, Attrezzature e macchinari

Agevolazione: Contributo a fondo perduto

Descrizione completa del bando

Il bando intende supportare le PMI marchigiane nell’adozione di soluzioni innovative di riorganizzazione, al fine di favorirne la ripresa e la transizione digitale e garantirne un migliore posizionamento competitivo anche a livello internazionale. A tal fine, il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di progetti di innovazione dei processi produttivi, della organizzazione aziendale soprattutto attraverso attività di trasformazione tecnologica e digitale.

Il perdurare degli effetti negativi della pandemia da COVID-19 rappresenta ancora oggi una grave minaccia per le economie mondiali. La pandemia e le misure adottate dagli Stati membri per combattere la diffusione del virus COVID-19 hanno causato un calo immediato e senza precedenti dell’attività economica, in particolare per quanto riguarda gli investimenti.

L’utilizzo delle nuove tecnologie digitali diventa di fondamentale importanza nell’attuale fase di ripresa dagli effetti negativi del Covid-19, in quanto consentirà alle aziende di riorganizzarsi e ristrutturarsi, incentivando il processo di transizione digitale, aumentando la flessibilità dei processi produttivi e riducendo al contempo i costi generali, al fine di far ripartire gli investimenti privati fortemente penalizzati dalla pandemia.

L’intervento rientra, infine, nel programma di interventi urgenti per il sostegno economico alle imprese marchigiane colpite dalla crisi generata dalla guerra Russa/Ucraina.

Soggetti beneficiari

Micro, piccole e medie imprese, in forma singola, regolarmente iscritte nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio delle Marche.

Tipologia di interventi ammissibili

Ai fini del presente bando sono ammissibili i progetti d’impresa finalizzati alla realizzazione di attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione.

I progetti dovranno prevedere obbligatoriamente l’introduzione/implementazione di almeno una delle tecnologie di innovazione riportate nell’Elenco 1 e una consulenza strategica che accompagni l’azienda nell’adeguata adozione delle tecnologie medesime, così come indicato al paragrafo seguente.

Il progetto può inoltre prevedere l’eventuale introduzione/implementazione di una o più tecnologie ricomprese nell’Elenco 2.

 

Elenco 1: utilizzo delle seguenti tecnologie inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;
  • soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale, machine learning e deep learning;
  • blockchain e distributed ledger technologies;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione, digital twins e sistemi cyber fisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).

Elenco 2: utilizzo facoltativo di altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

 

  • Sistemi di e-commerce;
  • Geolocalizzazione;
  • Sistemi EDI, electronic data interchange;
  • Tecnologie per l’in-store customer experience;
  • Sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fintech;
  • Sistemi digitali a supporto della forza vendita, inclusi sistemi di configurazione prodotto per piattaforme B2B e B2C;

Per poter presentare domanda di partecipazione al presente bando, il progetto deve obbligatoriamente prevedere una consulenza strategica che, accompagni e supporti l’impresa nell’adozione delle tecnologie digitali e delle soluzioni organizzative e gestionali atte a migliorare i processi delle imprese in ottica di Innovazione, coerentemente agli obiettivi aziendali.

 

La consulenza strategica deve essere realizzata da un unico prestatore di servizi dotato di una appropriata professionalità specifica e indipendente rispetto ai possibili realizzatori degli interventi da individuare tra quelli di seguito indicati:

 

  • Digital Innovation Hub di cui al Piano Nazionale Impresa 4.0, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
  • Innovation Manager iscritti nell’albo degli esperti tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico e/o dall’elenco dei manager tenuto da Unioncamere;
  • Centri di Trasferimento Tecnologico certificati sulle tematiche di Industria 4.0;
  • Competence center di cui al Piano Industria 4.0;
  • Enti ed istituti di ricerca ed altri soggetti rientranti nella definizione di organismi di ricerca;
  • Incubatori d’impresa certificati e incubatori regionali accreditati;
  • Altri soggetti in grado di garantire adeguata professionalità e indipendenza, vale a dire in possesso di tutti i requisiti di seguito indicati:
  1. essere una persona giuridica (sono escluse le persone fisiche ad eccezione degli ingegneri e dei periti industriali iscritti nei rispettivi albi professionali);
  2. avere realizzato negli ultimi tre anni almeno 5 servizi di consulenza in ambito digitale per conto di imprese.

Voucher digitali impresa 4.0

 

Le imprese che intendono presentare domanda possono anche chiedere il voucher di cui all’avviso pubblico della Regione e della Camera di Commercio “VOUCHER DIGITALI IMPRESA 4.0”, finalizzato all’acquisizione di servizi di consulenza e/o formazione funzionali all’implementazione nell’impresa di una o più tecnologie abilitanti tra quelle indicate negli Elenchi sopra riportati e, in particolare:

 

  1. a)       spese per l’assessment volto a mappare la struttura aziendale tramite una analisi As-Is e ad approfondire la situazione aziendale in ambito tecnologico e digitale, che le renda consapevoli dei vantaggi di investire in tale direzione;
  2. b)      spese di progettazione per la predisposizione di proposte progettuali da presentare a valere su fondi comunitari, nazionali e regionali destinati alla transizione digitale 4.0; 
  3. c)       spese di formazione relativi alla partecipazione a percorsi il cui programma formativo sia chiaramente riconducibile ad una o più tecnologie digitali tra quelle previste dal bando.

Le medesime spese non potranno beneficiare delle agevolazioni previste dall’avviso pubblico “VOUCHER DIGITALI IMPRESA 4.0” e da quelle previste dal presente bando.

Le spese ammissibili dovranno riferirsi agli interventi per cui si inoltra richiesta di contributo, essere coerenti e congrue alle finalità del progetto e funzionali al raggiungimento degli obiettivi indicati. Esse dovranno riguardare le seguenti tipologie di spesa e rispettare i limiti indicati:

 

  1. Spese per l’acquisizione di strumenti, attrezzature, macchinari, hardware, software e servizi erogati in modalità cloud computing e SAAS (software as a service), nonché di system integration applicativa e connettività dedicata;
  2. Costi per i servizi di consulenza esterna specialistica e servizi equivalenti non relativi all’ordinaria amministrazione e strettamente necessari per la realizzazione del progetto, inclusi i servizi di cui al paragrafo 3.2 ed i servizi di progettazione, analisi, sviluppo, manutenzione evolutiva, assistenza tecnica allo start up e/o messa in esercizio di software, basi dati, sistemi, componenti e programmi informatici, anche open source, commisurati alle esigenze progettuali;
  3. Costi per i servizi di “Test before Invest” di sistemi e tecnologie digitali applicate a qualsiasi ambito o funzione aziendale;
  4. Spese per l’ottenimento di certificazioni di prodotto e di processo, ad eccezione delle certificazioni obbligatorie per legge.

Entità e forma dell’agevolazione

Per la realizzazione del presente bando è stanziato un importo complessivo di € 4.200.000,00.

Il costo totale ammissibile del progetto di investimento non deve essere inferiore ad Euro 25.000,00.

Il contributo regionale non potrà superare il valore di Euro 140.000,00.

Il contributo massimo concedibile per le spese ammissibili è del 50%.

Scadenza

La domanda di partecipazione potrà essere presentata a partire dalle ore 10:00 del 16 maggio 2022 ed entro, e non oltre, le ore 13:00 del 30 giugno 2022.

 

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

Un nostro consulente ti risponderà il prima possibile​